dicembre 11, 2017 3 minuti di lettura

L’IMPORTANZA DEI CINTURINI

Spesso non viene data molta importanza ai cinturini. È un dato di fatto, le persone tendono a considerarli dei meri accessori e non un’importante caratteristica dell’orologio. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che sono separabili dalla testa dell’orologio o al fatto che raramente sono un elemento caratterizzante.

Tuttavia, appena si vede un orologio senza il suo cinturino, si nota subito che qualcosa sembra mancare. Allo stesso modo, si nota che l’aspetto di un orologio può cambiare radicalmente in relazione allo stile del cinturino a cui è abbinato, sia che abbia un aspetto vintage o più sportivo.

 

L’ARTIGIANALITÀ ITALIANA

Il produttore di cinturini di Meccaniche Veneziane opera nel cuore di uno dei maggiori centri produttivi della pelle, la Toscana. Il fondatore, Pietro, ha sempre lavorato in questo settore, per oltre 40 anni, ed è stato in grado di unire la sua passione per questa antica arte e l’esperienza nella creazione di prodotti dalla superba qualità. 

Il suo punto di forza risiede nella fiducia che trasmette attraverso il suo lavoro, eseguito secondo tecniche tipiche delle antiche botteghe artigiane. I cinturini creati per Meccaniche Veneziane sono quindi dei prodotti eccellenti, nei quali l’attenzione per i dettagli gioca un ruolo decisivo.

 

LA PRODUZIONE

I cinturini sono in apparenza un dettaglio di minor conto, e spesso non ci fermiamo a pensare al processo che porta al prodotto finale.

La pelle usata dagli artigiani che lavorano con Meccaniche Veneziane è sottoposta a trattamenti naturali, necessari a garantire resistenza e mantenimento del colore. Tutti i prodotti sono certificati alla Convenzione di Washington per la protezione degli animali in via di estinzione.

Il processo manifatturiero consiste di una lunga serie di fasi, che si succedono l’un l’altra in un viaggio affascinante. Una volta approvati i disegni tecnici e ricavato un primo prototipo, si apre un processo di selezione del tipo di pelle più indicato, quindi la produzione può avere inizio. Uno degli stadi principali è la separazione della pelle, che permette di ottenere esattamente lo spessore necessario. Dopodiché, la pelle viene tagliata, facendo grande attenzione alla sua integrità e alle caratteristiche del materiale, al fine di migliorare l’apparenza del prodotto.

Una volta che il cinturino è stato tagliato e la struttura è stata definita, viene lavorata la fodera, la parte interna del cinturino in pelle morbida. Il passo successivo viene definito “smussatura”, e consiste nella riduzione dello spessore della pelle nelle parti che devono essere piegate, come ad esempio nel terminale del cinturino. Incollando le diverse parti si ottiene l’aspetto finale insieme alle finiture, che fanno la differenza. La colla usata non contiene alcun agente chimico per evitare irritazioni dovute al contatto con il polso, dovute a traspirazione e al contatto con il polso.

Una volta realizzate le finiture, ci sono vari fasi produttive a cui badare, tra cui le cuciture da applicare, eventuali sfumature di colore, e molti altri dettagli. Infine, dopo aver montato passanti e fibbie, gli esperti incaricati selezionano pezzo per pezzo ogni parte del cinturino, prestando massima attenzione ai colori, alla porosità e al disegno naturale della pelle. Una volta che questa fase è stata completata, i cinturini vengono puliti ed esaminati uno ad uno.

In questa fase, al cinturino viene applicato il marchio “Meccaniche Veneziane” ed è pronto per essere indossato.

 

Meccaniche Veneziane
Meccaniche Veneziane


Lascia un commento

I commenti sono sottoposti ad approvazione prima di essere mostrati.


Anche in News

Meccaniche Veneziane against Covid-19, our initiative for Bergamo Hospital
Meccaniche Veneziane contro Covid-19, la nostra iniziativa per l'ospedale di Bergamo

maggio 13, 2020 2 minuti di lettura

The Venetian Arsenale
L'Arsenale di Venezia

aprile 03, 2020 3 minuti di lettura

History of Nereide Submarine | Meccaniche Veneziane
Il sottomarino Nereide: una storia di Eroi

aprile 03, 2020 3 minuti di lettura